La vittoria dell’ormone

Oggi è stata una giornata decisamente NO.

Anche se non c’è stato alcun evento scatenante sono stata (e sono tuttora, ancora per poco perchè poi la notte di solito porta consiglio!) di cattivissimo umore, tendente al depresso per dire la verità.

Tutto va come sempre, eppure io mi sento a terra…o forse è proprio perchè tutto è sempre uguale, che niente accenna a smuoversi, che non c’è mai un cambiamento che dia uno scossone alla mia vita…

Non so cosa dire, cosa scrivere, ho fatto anche fatica ad aprire il blog e decidere di buttare giù due righe e questo non mi era mai successo finora. Ho deciso di farlo comunque perchè di solito scrivere mi aiuta, è come se i pensieri si trasferissero sullo schermo, fuori dalla mia testa.

Nella situazione in cui mi ritrovo c’è sempre un capro espiatorio: è colpa degli ormoni! Oggi hanno senz’altro vinto loro e io non mi sono neanche battuta più di tanto per resistere, ho dato forfait immediatamente. Perchè, concedetemelo, a volte ho bisogno di sentirmi giù e basta, senza dover dare spiegazioni sensate, senza sentirmi in dovere di tirarmi su, di farmi coraggio, mettermi un sorriso in faccia e andare avanti. Io oggi non ho avuto voglia di mettere la maschera del “va tutto bene”, non ho avuto voglia di credere “tutto si sistemerà”. Ho semplicemente lasciato andare la stanchezza, l’ho lasciata travolgermi alla grande. E’ da tutta la settimana che un senso di spossatezza e di fatica mi tendeva agguati, nascondendosi, facendo delle toccate e fughe, ora mi ha travolto!

Non si puo’ dare più di tanto la colpa al caldo, andiamo dai, siamo sempre a Parigi, ci sono stati massimo 24°-25°C questa settimana! No, non è l’afa che mi abbatte, sono loro, gli ormoni che fanno le bizze, i capricci. Ma lo sapete che la parola “ormone” in francese è di genere femminile? Mi sembra molto indicativo, no? Perchè loro, questi maledetti, sono proprio rompiballe come solo noi sappiamo essere quando ci mettiamo d’impegno! E siccome con questo nuovo protocollo di SuperS ho cambiato farmaci e dosi, ecco, io credo che questi nuovi ormoncini ci stiano dando dentro di brutto nel mio povero corpo!

E cosi’ io mi ritrovo a farmi un sacco di paranoie senza motivi apparenti, a pormi un sacco di domande sul senso della mia vita, delle mie azioni quotidiane, sul percorso di PMA, sul fatto che mi sembra di non arrivare da nessuna parte in nessun campo, nè sul lavoro, né sulla famiglia…

Avete mai la sensazione di vivere la vostra vita quotidiana con un pilota automatico innescato? Avete mai l’impressione di andare avanti, giorno per giorno, per abitudine, senza porvi tante domande? Finché poi arriva quel momento in cui, per qualche motivo o anche senza ragione specifica, vi fermate a riflettere, come se vi guardaste da fuori, e vi dite:”Ma che cavolo sto facendo? A cosa serve tutto cio’?”. Qualcuno vi ha disinnescato il pilota automatico e zac…scatta la crisi!

Ecco, a me oggi è successo esattamente questo! Non ho trovato nessuna risposta, nessuna soluzione miracolosa, so solo che ho bisogno che avvengano alcuni cambiamenti netti ma ho anche paura che non arrivino.

Non ditemi, per favore, che i cambiamenti avvengono solo se io per prima li voglio davvero, perchè qui non è questione di volontà, ma solo di culo… e non riguarda solo la solita questione che ben sapete.

Per cui oggi mi concedo una giornata di completo scazzo, scusate il termine, ma oggi non ho nessun limite, nemmeno nel linguaggio. E se vi scoccia pazienza!

Chiudo le trasmissioni per stasera, tra poco Morfeo mi viene a prendere e magari lui riesce a calmarmi un poco…

E cos

Sono aperte le scommesse!

Vi ho lasciato una settimana esatta per riprendervi dall’ultima crisi dopo l’appuntamento con SuperS. Direi che vi ho permesso di riposare abbastanza quindi posso rompervi un po’ le scatole con le solite questioni! Anche perchè magari qualcuna di voi si chiede che cosa stia succedendo, come proceda la cosa…vero che ve lo chiedete?

Lunedi scorso è iniziata la Fase2 del tentativo numero… boh, manco me lo ricordo ed è meglio cercare di non fare i calcoli. La Fase2 del nuovo protocollo messo a punto da SuperS (che ha cercato di redimersi dopo le ultime cavolate) è stata inaugurata con il solito prelievo di inizio settimana, per controllare che il livello di progesterone dopo l’ovulazione (avvenuta tra mercoledi sera e giovedi’) fosse salito in maniera adeguata. Dracula ha quindi prelevato la solita fialetta di sangue, ma le mie vene sono talmente stanche che stavolta mi ha lasciato una bella traccia. I miei genitori mi hanno fatto gentilmente presente che nel caso avessi bisogno di una trasfusione, visto che mi stanno prosciugando con tutti ‘sti esami, per fortuna ho il gruppo 0+ e che possono tutti donarmi del sangue…che carini!

SuperS mi ha chiamato lunedi’ pomeriggio per confermare che tutto procede bene, i livelli ormonali sono nella norma e mi ha dato quindi la più bella notizia da un po’ di tempo a questa parte: “Puoi togliere la pompa!”. Dopo 41 giorni ininterrotti con questo orpello attaccato alla pancia, mi sento finalmente libera! Per quanto MissPompa sia piccola e discreta, negli ultimi tempi con il caldo aveva iniziato a scocciarmi non poco: l’adesivo che la fa stare incollata alla pancia non lascia traspirare e quindi adesso che è quasi estate iniziava a darmi fastidio, a prudermi, a volte avrei avuto voglia di strappare tutto per grattarmi. Inoltre ho sempre paura che si stacchi  facendo dei movimenti bruschi, mettendomi in alcune posizioni, quando mi faccio la doccia… e quindi in un numero variabile dalle 5 alle 20 volte al giorno mi guardavo la pancia per controllare che fosse tutto a posto!

Ecco, ora è finita, almeno fino all’inizio del prossimo ciclo… e chissà, magari non dovro’ proprio più rimetterla, ma non oso illudermi, fate come se non avessi parlato va’ che porta sfiga!

Ho potuto riprendere a muovermi senza troppa circospezione, ad insaponarmi in santa pace sotto la doccia, ad andare in bici senza dover alzare il sedere dalla sella ogni volta che incontro qualche piccola buca sulla strada, per paura che il contraccolpo faccia saltare la pompa… e mi rendo conto che inconsciamente ho preso tutta una serie di abitudini dovute proprio al fatto che avevo ‘sta roba attaccata alla pancia, del tipo muovermi in maniera strana, fare attenzione a non appoggiare nulla alla pancia ecc. Per inaugurare la nuova era, l’altra sera a letto ho chiesto a MA di farmi un massaggio alla schiena, perchè posso persino mettermi a pancia in giù! Tutta vita insomma…o quasi… si’, perchè tolta la pompa ora ho altri problemi ed il paraurti anteriore (leggi tette) dopo la puntura di Ovitrelle (gonadotropine per indurre l’ovulazione una settimana fa) si è gonfiato in maniera incredibile e mi fa un male cane. La sera a letto non riesco a trovare una posizione per dormire e quando di giorno mi capita di passare davanti ad uno specchio sussulto alla vista di cosa sia successo li’, dal momento che io di mio sono sempre stata molto molto scarsa (leggi quasi piatta) in quella zona.  Questo è l’unico vantaggio dei bombardamenti ormonali fino ad ora!

Riprendo quindi il filo del discorso. Tolta la pompa, per non perdere le buone abitudini di impasticcata, ora ogni sera ho una compressa di progesterone e una volta ogni quattro giorni una punturina di gonadotropine sulla pancia, per un totale di 4 volte. L’ultima sarà il 24 giugno e cinque giorni dopo, cioè il 29, potro’ fare un test di gravidanza, ovviamente se la speranza non viene presa a mazzate prima come l’ultima volta!

Il 30 giugno è il mio compleanno, quindi potrei avere come regalo la più bella delle sorprese o l’ennesima mazzata. Sono aperte le scommesse! A quanto si dice in giro mazzata vs sorpresa è data vincente 3:1. Fate i vostri calcoli. I risultati il 29 pomeriggio!

scommesse

Fermatemi i pensieri!

Ho sempre avuto la cattivissima abitudine di farmi trascinare dalla mia mente lontano dalla realtà, proiettandomi nel futuro e chedendomi cosa succederà se… e se… e scegliendo sempre lo scenario più negativo. Non so se riesco a spiegarmi bene. Io non sono di quelle che accolgono ogni giorno come viene, accettando l’incertezza della vita come qualcosa di bello, che ti lascia sorpresa e che rende tutto meno monotono e più imprevedibile. NO! IO devo prevedere tutto, controllare tutto, sapere ogni cosa, non lasciare nulla a caso.

Lo so, lo so che non è bene fare cosi’, che mi rovino la vita da sola, ma che devo farci? E’ il mio carattere, ho già provato a migiorare la questione con lo yoga, la meditazione, il rilassamento, ma non ci arrivo, non credo a queste cose, mentre sono stesa ad ascoltare quella di turno che cerca di farmi rilassare nella mia mente girano frasi del tipo:” Ma che cavolo mi sta dicendo questa? ma veramente crede che io la stia ascoltando?”. E lo stesso mentre cerco di mantenermi in equilibrio nelle posizioni più strane, del colibri’, dell’asino col mal di testa, del bruco-mela! Chiedo scusa se tra voi c’è qualche adepta dello yoga, tanto di cappello se ci riuscite, se a voi fa effetto, a me no! Io rimango ben ancorata alle mie abitudini, al mio stress, al mio essere tesa come una corda di violino.

Quindi, diciamocelo chiaramente, tutta ‘sta storia della PMA non aiuta certo a rilassare gli animi. E prima e dopo ogni visita con SuperS ci sono sempre pensieri che si aggiungono, nuovi scenari che si aprono davanti a me, nuove possibilità e nuove ansie! YUPPI!

Quindi se in questi ultmi giorni ero di un umore “leggermente insopportabile” era dovuto al fatto dell’ennesimo controllo di oggi da SuperS. La mia mente aveva già deciso che mi avrebbe comunicato qualcosa di poco piacevole, del tipo che la pompa non funzionasse più su di me, che il mio corpo si fosse addormentato di nuovo e se ne facesse un baffo delle scariche di ormoni di MissPompa. Tutto questa sceneggiatura l’ho elaborata in seguito all’ecografia di giovedi scorso, quando aveva visto che l situazione procedeva più lentamente delle altre volte e che il follicolino mensile se ne restava li’ nella mia ovaia di destra piccolino, crescendo più lentamente delle altre volte. Le sue frasi di rassicurazione che dicevano che questa volta i tempi di maturazione erano più nella norma e che nei due cicli precedenti invece erano stati anomali perchè troppo rapidi, non avevano avuto l’effetto sperato su di me ed io ho passato quindi quattro giorni di ansia, vivendo dentro al mio film personale che prevedeva che oggi mi sarebbe stato comunicato che pure MissPompa dava forfait con me!

Quindi, vi starete chiedendo, cosa è successo oggi?

L’ecografia e gli esami del sangue dimostrano che la situazione evolve, il follicolino si incicciolisce, l’endometrio si inspessice, l’etradiolo e l’amichetto suo LH aumentano come previsto, quindi tutto bene. Non siamo ancora al momento clue dell’ovulazione, per cui altra visita da Dracula mercoledi’ mattina per il prelievo e il pomeriggio prendo il thè con SuperS alle 17:30 guardandomi le foto delle mie ovaie e del mio follicolino.

Quindi tutto bene, no?  Un sacco di paranoie per niente anche stavolta direte voi!

Ehhh, ma prima di congedarmi, come al solito SuperS mi lancia una frase che nella mia mente rimbalzerà fino a mercoledi, inducendomi a scrivere una nuova sceneggiatura che mi vede protagonista come sempre! “Madame, se mercoledi vediamo che la situazione del muco cervicale non è ottimale, al prossimo ciclo ci organizziamo per fare un’inseminazione in utero (IUI).”

Ok, indovinate quindi cosa sto immaginando da oggi pomeriggio alle 15:45? Non credo di avere nemmeno bisogno di dirvelo, tanto avrete capito che io mi immagino sempre il peggio.

Vi basti sapere che è da due ore che cerco su internet IUI in tutte le salse, gli esami che bisogna eventualmente fare prima di procedere, cosa prevede il protocollo passo passo, cosa deve fare MA per la preparazione del campione ecc.

Fermatemi i pensieri please!

Alti e bassi

Sono sempre stata di umore altalenante (chi mi conosce confermerà di sicuro!), figuratevi ora che prendo ormoni a palate! In tutto questo compatisco MA che si deve sorbire i miei sbalzi…

lucy

E cosi’ capita che mentre una settimana fa mi sentivo addosso un ottimismo e una forza incredibili, che mi hanno fatto pensare di essere diventata una specie di dea della saggezza, ecco che la settimana successiva l’umore scende in picchiata e mi sento stanca, demotivata e con i nervi a fior di pelle.

Sarà perchè è stata una settimana piena di impegni e quindi molto pesante, saranno gli sbalzi di temperatura che fondono il cervello (siamo passati dai 17°C di domenica ai 33°C di oggi!), saranno gli ormoni appunto, sarà che ho bisogno di una bella vacanza lontano dal casino di  questa città…

E magari sarà anche la notizia di ieri pomeriggio, dopo l’ennesimo prelievo del sangue e l’ecografia, che hanno mostrato dei follicoli più piccoli del solito, quindi un’evoluzione più lenta dell’ovulazione, sarà che SuperS ha proposto l’ennesimo piano B (in realtà qui dovremmo parlare di piano Z con tutti quelli che ho provato finora) per migliorare la situazione visti i risultati dell’ultimo ciclo… quindi ecco il nuovo piano di battaglia: MissPompa lavorerà fino a quando i follicoli saranno maturi, poi iniezione di Ovitrelle per indurre l’ovulazione ( e quindi niente ovulazione naturale come le altre due volte), dopo tre giorni esami del sangue per controllare il progesterone, se questo è abbastanza alto metteremo a riposo MissPompa e continueremo con iniezioni di gonadotropine manuali (giusto per non perdere l’abitudine agli aghi) e pasticche di progesterone e non ho capito di che altro. Il tutto dovrebbe permettere di sostenere meglio l’ovulazione ed un eventuale impianto. Mah, io lo spero, SuperS deve consultarsi con una sua collega endocrinologa per sapere cosa ne pensa questa qui della nuova proposta, io ho capito che pure lei con me non sa che pesci pigliare! Yuppi!

Le ho chiesto senza tanti giri di parole se secondo lei MissPompa mi porterà prima o poi ad avere un Paciocco tra noi, lei ha risposto con la sua solita prudenza, senza sbilanciarsi, che lo spera e senno’ dovremo passare alla FIV (fecondazione in vitro)…

Lo sapevo che la FIV sarebbe stata l’ultima spiaggia, solo che la vedevo lontana, ero convinta che la pompa avrebbe funzionato visto che al primo colpo sono comunque rimasta incinta! Mi sono concessi in totale 6 cicli con MissPompa, poi dovro’ separarmene se non funziona, perchè c’è una lunga lista di attesa per questo trattamento. Ne ho già bruciati due, siamo al terzo.

Non mi fa paura la FIV in sè, conosco tramite i vari social network ed i forum che frequento, un sacco di ragazze che seguono il protocollo per la fecondazione in vitro. Il fatto è che sono stanca di cambiare piani, di provare sempre nuovi trattamenti, di non vedere una fine, una luce in fondo al tunnel. Credevo di aver visto un barlume, una specie di candela, ma ora mi pare che si stia affievolendo ed ho paura che si spenga di nuovo. Avete un fiammifero per tenerla accesa per me?

tunnel

Altro giro, altra corsa!

Lunedi mattina, per inaugurare bene la settimana, sono andata da Dracula (la dottoressa del laboratorio di analisi, Ndr) per il consueto prelievo. Buco più, buco meno…

La sera SuperS mi ha chiamato, risultati alla mano, per darmi gli esiti del laboratorio. Siccome io ce l’ho ancora con lei per il modo in cui mi ha trattato mercoledi scorso (leggi qui) ho chiesto a MA di rispondere al telefono al mio posto, adducendo la scusa che ero sotto la doccia…vigliacca! Pure le comunicazioni con la ginecologa faccio gestire a questo santo di marito!

Verdetto: quelle di una settimana fa alla fine erano mestruazioni belle e buone (avevo ragione io, tiè, lei mi ha trattato come un’imbecille per niente, dicendomi che non poteva essere perchè il progesterone era ancora alto) e quindi sono in pista per un altro ciclo con MissPompa. Si riparte…

Solo che stavolta, a differenza delle due precedenti, io non mi sento più emozionata, non sono sempre li’ a pensare che sarà la volta buona, che il prossimo test che faro’ sarà positivo, non conto i giorni che mi separano dall’ovulazione, non sto a controllare la presenza o meno di sintomi vari…perchè mi sono rotta le p..lle!

Sono stanca, stufa marcia di tutti questi alti e bassi del percorso di PMA e la mia mente cerca di proteggersi come puo’ per evitare altre delusioni, altre batoste. Ho smesso di crederci un poco, sono disillusa, ma non triste, né rassegnata. Semplicemente lascio che le cose vadano per conto loro, senza calcolare, senza fare progetti, niente, so che prima o poi sarà il nostro momento, ma non so quando e pensarci continuamente non serve a nulla a parte farmi stare male e farmi prudere le mani per la smania di stringere un piccoletto pacioccone. Quindi il mio cervello ha alzato delle barriere di protezione. E sinceramente è molto meglio cosi, altrimenti divento pazza.

Quindi me ne vado per la mia strada, tranquilla, perchè ve lo assicuro, lo sono. La mia lista dei buoni propositi è tutt’ora in auge, da una settimana a questa parte ho sviato il pensiero verso altri lidi e funziona, sto meglio.  Riesco anche a guardare le mamme con i bambini o le appanzate senza la gelosia che trapela da ogni poro del mio corpo, le guardo, sento i miei occhi scorrere sulla loro figura ma il mio cervello non registra nessuna emozione, né di odio né di altro, zero, elettroencefalogramma piatto proprio!  Non so spiegarvi bene la situazione in cui mi ritrovo, direi assenza di emozioni. Sembra che io abbia trovato uno stratagemma per evitarmi altre sofferenze, non so se questa cosa vada bene, ma finchè mi evita di stare male perchè no?

Forse le emozioni si risveglieranno tra poco, quando arrivero’ al periodo post-ovulazione, in attesa trepidante di fare il solito test di gravidanza. Ma non ne sono sicura, non voglio aspettarmi nulla, non voglio illudermi, non voglio soffrire ancora.

Ho sentito decine di volte persone dirmi:” Non devi pensarci, arriverà quando non ve lo aspettate!”. Ma che cazz..te dice la gente? Come se il bebé stesse li, dispettoso, pronto a infilarsi nella tua pancia quando tu gli volti le spalle, pronto a farti uno sberleffo dicendoti:”Visto te l’ho fatta!”. Io, ogni volta che sento questi discorsi, sono presa da un attacco di nervoso incredibile! Il mio trucco di non pensare alla gravidanza non è certo nella speranza che non rimuginarci su di continuo mi porti di sorpresa un Paciocco nella pancia, figuriamoci!

E se dovesse succedere, vi avviso, evitate quindi la frase:” Te lo avevo detto, no? bastava non pensarci!”. Qui non si tratta di pensare o meno, si tratta di “culo” e basta, mi pare di avervelo già spiegato.

Per cui lascio in pace la testa e lascio decidere al “deretano”!

PS scusate la scarsa finezza, tenete conto che ho in circolo una quantità di ormoni che metà basta!keep calm

Lezioni di tatto

Una cicogna sulla Tour Eiffel?

Mercoledi mattina ho fatto gli esami del sangue (gli ennesimi, ho più buchi che peli sul braccio ormai!) per i dosaggi ormonali. Scopo di SuperS: capire cosa sia successo dentro al mio corpo misterioso che ha deciso di sputare sangue dopo un ciclo di 19 giorni…

Il laboratorio manda per fax i risultati direttamente a SuperS, che mi chiama poi al telefono la sera per spiegarmi la situazione.

IO:” Buonasera SuperS” rispondo subito, il telefono li vicino a me, tanto ormai so prevedere a che ora mi chiamerà.

SuperS:” Madame, queste non sono mestruazioni perchè il progesterone è ancora alto e quindi non siamo alla fine del ciclo”.

MA VIENI! Ce l’ho fatta, ci siamo, dopo tutte le paranoie degli utlimi giorni alla fine ci siamo! Ho fatto secca la cicogna, l’ho presa in pieno!

SuperS:” Ma non è nemmeno incinta perchè il betaHCG è negativo…”

Della serie dalle stelle alle stalle… come farti impennare verso altezze incredibili e poi farti precipitare giù a velocità della luce!

Bocca spalancata tipo slogatura di mandibola, i muscoli del viso che non rispondono, cerco di articolare la domanda che mi sorge spontanea…

IO:” Ma scusi, non sono incinta, non sono mestruazioni e allora perchè mi sto dissanguando, di grazia?” (vabbè, licenza poetica, non erano proprio queste le parole…).

Pero’ la sua risposta ve la riporto fedelmente perchè merita:

SuperS: “ Eh Madame, ma non si puo’ restare incinta a tutti i tentativi!

Ehhhh?? No, ma dico… siamo impazziti? Che BIP di risposta è questa?

Innanzitutto, non so a voi, ma a me la mia domanda pare più che lecita e motivata! Che cavolo sta succedendo qui dentro? ahoo, avro’ diritto di saperlo o no?

Secondo punto: lo so benissimo che non si puo’ rimanere incinta a tutti i tentativi senno’ mica starei ancora qui a pagarti fior di quattrini a quest’ora! E poi… a tutti i tentativi? ma se mi è andata bene la volta precedente dopo due anni di prove a vuoto e che poi, dire bene è, come dire, inappropriato? visto che la cosa è terminata con un aborto?

Ma vi sembra il modo di rispondere ad una che si fa ogni giorno una botta di ormoni, che le circolano in corpo impazziti da mesi, che ha subito il trauma di una aborto alla quarta settimana, che da due anni e mezzo sta li col fucile per far fuori ‘sta cavolo di cicogna? Ma dov’è finita l’ empatia medico-paziente che ti dovrebbero avere insegnato all’università, ginecologa dei miei stivali?

Se non mi sai dare una risposta, perchè è questo che ho capito benissimo dal resto del discorso, potresti anche ammettere semplicemente la tua ignoranza, fai una figura migliore, no? Perchè, essendo anche io laureata e dottorata in biologia, lo so benissimo che ci sono a volte dei fenomeni che non si spiegano, ma lo ammetto, non mi nascondo dietro a questi atteggiamenti, a dir poco da sberle! Perchè è quello che avrei voluto darle, una bella pappina di quelle potenti, con il braccio che prende un bello slancio! SBAMMMMM!

Ma non ho potuto, al telefono non si puo’, e non è nemmeno potuto arrivarle il mio sguardo trucidatore purtroppo.

Morale della favola: aspettare che arrivino le vere mestruazioni (che culo questo mese, della serie “lascio o raddoppio”, ecco io invece di 4 o 5 giorni ne ho vinti 10 se va bene!), ricominciare il ciclo con MissPompa e dopo l’ovulazione avro’ in omaggio anche delle compresse di progesterone per aiutare ancora ‘sto povero corpo che da solo proprio non riesce a combinare una mazza! Evvai!

Piccola postilla: siccome io ormai ho anche una laurea ad honorem in ginecologia, come vi avevo già detto, le avevo chiesto qualche giorno prima se fosse il caso di prendere del progesterone per sostenere l’eventuale embrione, ma mi era stato detto che non era necessario… ehhhh, come no?

Vabbè, sappiate che nonostante le continue mazzate che mi arrivano a destra e a manca, i miei buoni propositi sopravvivono e riesco a tenere botta meglio di quanto credessi, stupendomi per prima! Almeno tutta questa storia mi sta insegnando questo: gli spinaci stanno a Braccio di Ferro come la sfiga sta a me stessa… cioè sto diventando sempre più forte, tipo punching ball, mi buttano a terra e io mi rialzo!

bracciodi ferro