io non credo alle favole

cicogna
Una cicogna sulla Tour Eiffel?

Da piccola non mi addormentavo la sera se la mamma non mi leggeva almeno una favola.
Da piccola mi piaceva inventarmi un sacco di storie fantastiche, con fate, streghe e bambine con i super poteri, e quando ho iniziato ad andare a scuola, ho scoperto che mi piaceva mettere per iscritto quanto mi passava per la testa.
Da piccola credevo a Babbo Natale, la Befana, la fata dei dentini.
Non ho mai creduto, invece, alla storia della cicogna che porta i bambini, né che questi nascano sotto un cavolo. Mi avevano convinto che i bambini arrivano quando la mamma e il papà insieme decidono di volere un bimbo e lo desiderano cosi tanto che alla fine Gesù (sono nata e cresciuta in una famiglia cattolica…) ne sceglie uno tra quelli che stanno sulle nuvolette in cielo e lo invia nella pancia della mamma!

Ora non credo più alle favole. Soprattutto all’ultima, perché se fosse vera io di bimbi ne dovrei già avere una quantità enorme, considerando da quanto tempo io e Ma ne desideriamo uno!