Rieccomi!

Due mesi in Italia, tre viaggi aerei con Paciocca, dieci giorni dopo il rientro…ed io non ho più scritto una riga qui nel blog!

Ho iniziato più post, ma sono sempre stata interrotta da qualcuno che reclamava la mia attenzione!

Ora dorme, provo ad approfittarne per aggiornare un po’ la situazione.

Il battesimo dell’aria di Paciocca è andato bene: nel primo viaggio da Paris a Venezia se l’è dormita tutto il tempo e non abbiamo nemmeno avuto bisogno di fare un cambio pannolino durante l’intero viaggio. Nella tappa successiva ai primi di luglio, nel volo Venezia-Napoli ,invece, non ha fatto altro che chiaccherare per tutto il viaggio con la sua vocina cucciolosa. Degna di nota è soprattutto la super scarica di pupù che ha fatto non appena decollati! E cosi la maneggiavo con delicatezza per evitare perdite, in attesa di poter slacciare le cinture di sicurezza e prendere la borsa del cambio. Poi grazie alle nostre doti da acrobati, io e MA l’abbiamo cambiata tenendola sulle ginocchia. Gli altri passeggeri non si son accorti di nulla. Stessa scena, ripetuta due volte, nel viaggio di ritorno da Napoli a Parigi, con in più un bel rigurgito di latte che ha sporcato figlia e mamma. Arrivate a casa con un bell’odorino di formaggino addosso…

Paciocca nei due mesi italiani ha visto luoghi nuovi, a cui si è adattata nel giro di un giorno (all’arrivo ha pianto sia a Padova che a Napoli perchè non riconosceva l’ambiente, ma già il giorno dopo era a suo agio). Ha conosciuto un sacco di persone nuove, bisnonne, prozii, zii e amici di famiglia. Ha conquistato tutti ed elargito sorrisi a profusione. Abbiamo pero’ assistito ad un grande cambiamento in lei riguardo le relazioni con gli altri. Nel primo mese a Padova si è adattata benissimo alle braccia di chiunque, fin dal primo momento. Invece, una settimana dopo l’arrivo a Napoli, è cambiata: non appena qualche amico la prendeva in braccio lei sporgeva il labbro inferiore, la bocca finiva all’ingiù in una smorfia triste e si riempiva i polmoni, per scoppiare in un pianto disperato! Ormai è diventata più diffidente e vuole solo le braccia di mamma e papà.

Abbiamo iniziato con lo svezzamento. Già al compimento del quarto mese ci siamo lanciati con la purea di carote e qualche omogeneizzato di frutta, ma sputava tutto. Ho scoperto poi che non era un rifiuto del cibo, ma semplicemente un riflesso che hanno i neonati, detto riflesso di estrusione, che si verifica quando si avvicina loro qualcosa alla bocca e significa che non sono ancora pronti per lo svezzamento.

A Napoli invece, dopo il compimento del quinto mese, si è dimostrata pronta per assaggiare cose nuove e abbiamo iniziato a darle pezzettini di frutta, facendo ovviamente attenzione a non lasciare la presa del pezzo di frutta o mettendolo dentro una retina apposita per neonati, che permette loro di succhiare il pezzo di cibo senza poterlo ingoiare. Paciocca si è rivelata un’amante di ciliegie e uva e cocomero. Poco successo ha avuto invece la banana frullata e lo yogurt naturale.

Dopo la dolcezza della frutta estiva ci aspettavamo scarso entusiasmo per uno sciapito passato di verdure a base di patate, carote e zucchine. Invece la piccolina ci ha stupito di nuovo, avventandosi sul cucchiaino, già dalla prima volta.

Io e MA eravamo orgogliosi, soprattutto perchè entrambi  abbiamo dato parecchi problemi ai nostri genitori per mangiare quando eravamo piccoli!

A quanto pare pero’ la signorina ci ha un po’ illuso, perchè dopo i primi giorni l’amore per il passato di verdura sembra scemato e soprattutto ora ha imparato a soffiare con la boccuccia, per cui quando il cucchiaino si avvicina, Paciocca vaporizza il cibo attorno a sé! La pediatra mi ha detto ieri che dovrebbe mangiare 130 grammi di verdure e altrettanto di frutta al giorno, ma per ora è un’utopia. E sinceramente, non ho voglia di stressarmi per farla mangiare, sono convinta che lo farà con i suoi tempi.

In questi mesi ha fatto tanti cambiamenti. Innanzitutto è cresciuta tanto, sia in peso (a 4 mesi era a 7 kg, prendendo un kg in un mese!) e ieri era a 7,8 kg, per una lunghezza di 65 cm, cioè 21 cm in più rispetto alla nascita! Ci siamo resi conto di quanto sia cresciuta solo una volta tornati a casa, vedendola seduta sulla vecchia sdraietta o stesa nella sua culla. Inutile dire che abbiamo dovuto provvedere con nuovi acquisti: seggiolone e culla da grandi!

Le sono spuntati tanti capelli, color castano, più chiari di quelli alla nascita. Sulla fronte ha un ciuffetto più lungo del resto, perchè è l’unico che non è caduto come gli altri capelli ed è rimasto quello di origine. Gli occhi si sono mantenuti chiari, tra il verde ed il grigio a seconda della luce.

Sono aumentati i gorgheggi ed i suoni che produce e da qualche giorno urla proprio, dimostrando un notevole fiato. Ha detto una volta “papu”, che potrebbe essere un misto tra “papà” e pupù” nel nostro immaginario, ma sappiamo benissimo che sono suoni casuali!

Da metà giugno circa ha imparato ad afferrare gli oggetti, la sua palla di stoffa e vari giochini. Ora è molto migliorata, ci tocca il viso, è attirata dagli occhiali del papà e dai capelli della mamma.  Ha scoperto verso il quinto mese i suoi piedini, se li guarda con interesse, se li prende con le mani e li mette in bocca leccandoli di gusto. Ora che siamo a casa e fa più freddo le devo mettere i calzini e questa cosa la contraria parecchio, per cui cerca di toglierseli!

Ha imparato a girarsi sulla pancia a metà giugno. Ha un metodo tutto suo: alza le gambine a 90°, si dà la spinta con il sederino e si gira a pancia in giù. I primi tempi aveva un problema col braccio che restava incastrato sotto il corpo, ora ha risolto brillantemente la situazione.

L’altro giorno l’avevo messa sul letto mentre sistemavo il mio armadio e nel giro di qualche minuto ho sentito un tonfo. Era caduta a terra e ho preso un colpo! A parte un po’ di pianti, non si è fatta nulla, ma non capivo come potesse essere caduta visto che l’avevo messa in mezzo al lettone ed al massimo si gira di pancia. Ho scoperto cosi’ che ha imparato a rotolare, ora sa anche rigirarsi dalla pancia alla schiena! E brava Paciocca!

Se le tendo le mani lei afferra le mie dita e fa leva per mettersi seduta e poi si alza sulle gambine cicciottose. Questa bimba è forzuta e super resistente, l’avevamo già capito anche dal fatto che in due mesi di viaggi aerei, sbalzi termici per l’aria condizionata e vari cambiamenti, non ha mai avuto nulla!

Forse vi ho tediato con le mie cronache, l’ho fatto anche per me stessa, perchè ho poco tempo per annotarmi tutto quel che fa la piccola! Ormai è troppo interessata al mondo circostante per accontentarsi di stare in braccio mio e permettermi di scrivere qualcosa…

Annunci

Si parte!

Mi sembra ieri che scrivevo il post della partenza per le vacanze estive italiane ed invece sono già passati 10 mesi!

Eccoci qui quest’anno a preparare la nostra prima valigia a 3. Per sempificarmi la vita ho deciso innanzitutto di limitare il numero di capi di vestiario della sottoscritta, che finora partiva in vacanza con lo stile “abbundandis abbundandum” come dice Toto’. Inoltre ho messo le cose di ognuno di noi dentro a tre sacchi di plastica separati, in modo che appena rrivati è più rapido disfare i bagagli. Per fortuna poi andiamo a casa dei nonni, prima a Padova e poi a Napoli, per cui evitiamo di portarci anche tante cose.

Viaggiare con Paciocca mi spaventa un poco, ma solo per problemi pratici (cambi pannolini in primis), perchè lei è un angioletto e sono sicura che dormirà tutto il tempo.

Cosa mi aspetto da queste vacanze?

Di sicuro un po’ di caldo italiano e di sole! Per chi non lo sapesse, negli ultimi dieci giorni qui abbiamo avuto piogge continue ed il paese si è allagato a causa del fiumicello che ha straripato. Stamattina niente pioggia ma una nebbia da sembrare novembre! In questo preciso istante è ricomparso il sole per la prima volta…

Poi mi aspetto un’allegra confusione familiare, che contrasti con le lunghe giornate di solitudine passate negli scorsi mesi. Per quanto MA abbia cercato di essere il più presente possibile e di contribuire alle incombenze quotidiane, resta il fatto che esce di casa alle 7:15 e rientra alle 16:30 (salvo ritardi del treno) e 9 ore da sola con una neonata che non ha orari non è stato facile, soprattutto se ci si mette di mezzo anche la pioggia che ci ha impedito spesso di uscire.

Mi aspetto l’entusiasmo di amici e parenti per la nuova arrivata, che spopolerà per la sua simpatia e pacioccosità! 🙂

Mi aspetto un pochino di aiuto, qualche braccio generoso che voglia sorreggere 6 kg abbondanti di cicciolosità, per permettermi di avere una mezzoretta ogni tanto solo per me (che per carità è già capitato anche qui ma di solito ho dovuto impiegare quel tempo per stirare, sistemare casa o altro). Da quattro mesi non ho più avuto un attimo per me stessa, mi piacerebbe tanto riprendere a fare un pochino di sport, che mi manca e che mi aiuterebbe a smaltire lo stress.

Mi aspetto qualche bel piatto italiano, gli gnocchi della mamma, una caprese con dei pomodori che non siano solo acqua, un bel gelato passeggiando per il centro.

Mi aspetto dei pranzi in famiglia, con la lunga tavolata.

Mi aspetto di vedere gli occhi sgranati di Paciocca che scopre nuovi volti, nuovi paesaggi, nuovi sapori (perchè tra una settimana iniziamo con la frutta e le verdure!).

E quindi: buone vacanze a noi 🙂

 

E

 

Morfeo, mon amour!

Lo so che scrivendo questo post mi attirero’ da sola la iella, ma è un evento che non si puo’ tacere.

La piccola Paciocca sosno tre notti che dorme più di 8 ore filate senza risvegli e poppate e cambi pannolini!

Facciamo una ola, please!

Già da più di un mese si risvegliava solo una volta a notte, variabile tra le 2:30 e le 4, ora siamo passati direttamente alle 6:30-7 di mattina!

Io vivo ogni giorno come viene, tanto so che potrebbe cambiare da un momento all’altro, che poi sarà il momento dei denti, dei terrori notturni ecc ecc ecc.

In tutto cio’ pero’ io mi prenderei a pugni in testa perchè, invece di approfittare pe recuperare il sonno arretrato di tre mesi e mezzo, mi ritrovo  con gli occhi sbarrati  alle 4:30 aspettando che lei si svegli.  La forza dell’abitudine. Bella fregatura, perchè poi sono incapace di riaddormentarmi e alla fine mi alzo alle 5:30 quando potrei dormire ancora più di un’ora secondo i suoi nuovi orari.

Non prendetemi per scema, chi ci è passata forse mi capisce. Una volta installati alcuni orari è difficile perderli e paradossalmente è anche difficile riuscire a dormire più di 6 ore di fila dopo che per mesi hai dormito 4 ore a notte a spizzichi e bocconi.

Paciocca fa progressi di giorno in giorno e questa cosa delle notti senza risvegli è solo uno degli esempi.

Sorride un sacco, in risposta ai nostri sorrisi, ieri ha proprio fatto anche una risata!

E’ diventata più autonoma, nel senso che ora di notte dorme sempre nella sua culla e non più nel nostro letto, per esempio, e durante il giorno è capace di restare buona a guardarsi le apine che volano sopra la sua sdraietta senza urlare come un’aquila come faceva all’inizio. Tra l’altro si fa di quei pisolini sulla sdraietta che mi stupiscono, a me sembra che dorma ancora più di prima, mi sono un po’ preoccupata, ma la pediatra dice che se dorme è sintomo di buona salute.

Gioca con le manine, si rimira i pugnetti, se li mette in bocca,  li “assaggia.” Di notte  a volte mi sveglio perchè sento: ” SLAP SLAP SLAP”, è lei che si lecca le mani con gusto, fa morir dal ridere ed evita a me di dover tirare fuori la tetta perchè ha voglia di succhiare. Spero solo che non arrivi a mettersi il pollice in bocca, vizio che la sottoscritta si è portata avanti fino ai 9 anni e che ha rimpinguato le tasche dell’odontoiatra, che mi ha messo l’apparecchio ai denti per rimediare ai danni.

Oltre alla palestrina, dove sta molto volentieri, ora le abbiamo anche comprato un libretto sonoro con delle canzoncine e delle lucine che si accendono e spengono al ritmo di musica, le piace molto e lo guarda con attenzione.

E poi la grande scoperta: la TV! La mattina papà e figlia fanno colazione guardando il telegiornale: Paciocca succhia la tetta e allunga la testa per vedere cosa succede in TV, fa morir dal ridere. La sera prima di addormentarsi ripropone la stessa scena, ma stavolta invece della TV guarda con interesse la mia sveglia che fa anche da lampada e cambia colore della luce. E’ difficile dare la poppata ad una che tira il collo per vedere questo spettacolo di luci alle mie spalle e si scoccia se nel tentativo di guardare la lampada perde la presa sul capezzolo, per cui a volte me lo tira mentre si sposta con la testa e io mi ritrovo con un capezzolo che misura 2 o 3 cm alla fine della poppata!

Le stanno pure ricrescendo i capelli! E’ nata con una selva di capelli neri, poi ha iniziato a perderli verso un mese e mezzo, finchè si è arrivati ad un periodo in cui aveva la testa a chiazze! L’avevo soprannominata “stempiatella”. Ora le stanno ricrescendo, più chiari. Solo sul davanti non ha mai perso i capelli, per cui si ritrova con un ciuffo più lungo degli altri, stile frangetta.

E’ una bimba buonissima, non piange mai, a parte qualche volta se vuol essere presa in braccio o se ha particolarmente fame. Invece si lascia vestire e svestire, pulire nasino e occhi senza fiatare, anche durante il bagnetto non batte ciglio se le va acqua nel naso o sugli occhi (mi ricordo di quei pianti quando mi lavavo i capelli da piccola!). Anzi, a proposito di bagnetto, l’acqua le piace un sacco, ride, si muove, ora ha imparato pure come fare dei begli spruzzi per lavare anche me ed il pavimento!

Ed infine, gorgheggia alla grande, sembrano dei veri e propri discorsi ed io ho iniziato a risponderle con degli altri gorgheggi e pare proprio che ci scambiamo due chiacchere tra amiche.

DSC00344

 

 

Carta d’identità

Miss Paciocca è una bimba di mondo ed in quanto tale ha bisogno della carta d’identità per poter viaggiare in Europa.

Nell’era di Internet e del digitale, ci ritroviamo ancora a doverci sottoporre a iter burocratici allucinanti dal mio punto di vista. Ve ne faccio un breve riassunto, sia mai che possa ssere utile a qualcuno!

Io e MA siamo iscritti all’ AIRE (Associazione Italiani Residenti all’Estero). Paciocca è nata in Francia da genitori italiani senza cittadinanza francese. La sua nascita è stata trascritta al Comune francese due giorni dopo, ma per poter essere trascritta anche al Comune italiano di riferimento e poter cosi chiedere la carta d’identità, abbiamo dovuto fare la richiesta per un libretto di famiglia plurilingue al Comune di Padova.

Mia mamma ci ha potato il libretto a marzo, con quello MA è dovuto tornare al Comune francese e ottenere un modulo da inviare al Consolato italiano (estratto dell’atto di nascita multilingue).

Una volta che il Consolato riceve il modulo deve poi registrarlo ed inviarlo al Comune italiano. Tempi previsti per far questo: 1 o 2 mesi!!!

Una volta che il Comune italiano riceve l’atto di nascita lo deve trascrivere nei registri. Tempo previsto: un mese!

A questo punto si puo’ richiedere la carta d’identità al Consolato. Tempo previsto: 12 settimane!!

Ma che è? devono scolpirli nella pietra questi documenti?

Da brava rompiballe  rompiscatole, ho iniziato a martellare l’ufficio Stato Civile del Consolato a suon di mail, prima supplichevoli e poi minatorie, per ottenere un trattamento d’urgenza della pratica in modo da poter rientrare in Italia a metà giugno.

All’inizio mi hanno risposto, poi si sono scocciati e non mi han più degnato di attenzione, per cui ho dovuto passare la palla a MA, che essendo più diplomatico ha ottenuto quel che volevamo.

Il dcumento è quindi giunto al comune di Padova il 3 maggio, chiamo a questo punto l’ufficio Stato Civile per velocizzare i tempi. Dopo avermi sballottato telefonicamente in tre uffici diversi e concluso il tutto dicendomi di scrivere una mail per richiedere una pratica d’urgenza, siamo finalmente giunti alla fine di questa prima parte e possiamo quindi richiedere la carta d’identità, sempre in urgenza ovvio!!

Ieri pomeriggio siamo quindi andati dal fotografo per fare le fototessere per Paciocca. Mi aspettavo una seduta fotografica difficile, soprattutto perchè in auto si era addormentata e non è facile svegliarla quando si appisola.

Invece è stata una bimba modello come al solito: non ha fiatato e si è fatta fare un bel po’ di scatti, terminando con un sorrisino appena accennato, che ha dato il tocco finale.

Habemus fototessre quindi, con una bella bimba dal sorriso giocondesco.

Ora si tratta solo di riprendere a martellare il Consolato per avere il documento e poi forse potro’ finalmente comprare sti benedetti biglietti aerei!

100 di questi giorni!

Mai quest’espressione potrà essere più adatta di cosi’: ogg, infatti, Paciocca compie esattamente 100 giorni!

Cose che vengono in mente ad una mamma mezza rincretinita dal sonno durante l’ultima poppata della giornata.

100 giorni volati.

100 giorni di grandi cambiamenti.

100 giorni di numerosi cambi pannolini, e di spruzzatine varie.

100 notti di risvegli

100 giorni di poppate a tutte le ore, secondo i suoi desideri.

100 giorni di baci e coccole tenerose.

100 giorni di incredulità:”Ma veramente l’abbiamo fatta noi?”

100 giorni di innamoramento sempre più intenso.

100 giorni di dubbi:”Ma staro’ facendo la cosa giusta?”

100 giorni difficili, di stanchezza, di lunghe ore da sola con lei.

100 giorni con l’orecchio teso, pronta ad accorrere al suo pianto.

100 giorni di pasti ingurgitati in fretta.

100 giorni senza serie tv.

100 giorni di rinunce varie.

100 giorni stravolti, senza programmi possibili.

100 giorni di vita a tre.

100 giorni da mamma.

100 giorni di te, amore nostro!

IMG-20160514-WA0000(1)

Nostalgia

Ecco che torna, puntuale, la fase down periodica che coglie l’emigrante: la voglia di tornare a casa, in Italia.

Perchè non importa da quanti anni te ne sei andato, non conta il fatto che tu abbia acquistato casa e fondato la tua famiglia altrove…”casa” rimane il luogo da cui sei partito per il tuo lungo viaggio.

In questi giorni sono presa dalla voglia incontenibile di saltare su un aereo e volarmene a Padova.

Sogno un po’ di sole e tepore italiani, invece di questo meteo ballerino che ci da’ il sole come contetino ogni tanto, per poi propinarci giornate grigie e di pioggia subito dopo, per non illuderci che sia arrivata la primavera vera.

Sogno di inforcare una bici e pedalare libera e felice alla volta di Prato della Valle,  guardare la sua vastità e sentirmi finalmente a casa.Afficher l'image d'origine

Sogno di fare un giro nel centro storico, di ripararmi dal sole camminando sotto i portici, di fermarmi in Piazza delle Erbe per comprare della frutta e della verdura che sappiano di qualcosa e non di acqua.

piazza erbe

Sogno di prendere un gelato da Grom e di mangiarlo guardando le vetrine dei negozi in via Roma.

grom

Sogno di incrociare un viso noto e scambiare due chiacchere con lui.

Sogno i tavolini con gli ombrelloni aperti in Piazza Duomo, con la gente che si beve il caffettino del mattino o uno spritz nel tardo pomeriggio.

duomo

Sogno le sagome dei Colli Euganei, le passeggiate, il panorama.

collijpg

Sogno un pranzo domenicale in famiglia, con i miei zii e la nonna. E le pastine comprate in pasticceria.

pastine

Invece mi ritrovo qui, in una grigia mattina di maggio, chiusa in casa perchè prevedono pioggia, con il marito che è uscito alle 7:15 di casa per andare al lavoro e io che resto a casa sola con Paciocca ( e per fortuna che almeno c’è mia suocera per aiutarmi in queste settimane senno’ sarebbe ancora peggio), come unico passatempo fare le pulizie di casa e poi alternare poppate e cambi disastrosi di pannolini.

Ok, sono leggermente depressa, lo avrete capito.

Perchè parliamoci chiaro: la maternità non è tutta rosa e fiori ed ho scoperto lati insospettabili. I primi mesi sono i più duri, dicono tutte, ed è vero! Le lunghe ore in casa con un neonato, che per quanto bellissimo e cuccioloso non interagisce ancora più di tanto, l’impossibilità di fare un minimo programma, la difficoltà nel trovare amiche con cui uscire e scambiare due chiacchere, il tempo che passa a rilento mentre allatti e la mente che vaga e si perde in pensieri controproducenti…

Passerà, dicono tutte, le cose miglioreranno. Devo trovare la forza di andare avanti, solo che in certi momenti veramente mi sento senza forze.

Voglio iniziare il conto alla rovescia: tra 25 giorni torno veramente a “casa”!

 

 

Sono tornata!

Scusate il periodo di latitanza, il blog è caduto un po’ nel dimenticatoio nell’ultimo mese. E non per mancanza di tempo, perchè il computer è il mio grande amico ormai durante le lunghe ore in casa, tra poppate e sonnellini in braccio. Solo che, appunto, avendo sempre le mani occupate è difficile buttare giù un post con una sola mano, più che altro è faticoso. E poi, diciamolo chiaramente, sono abbastanza rimbambita e stanca per connettere più di tre o quattro parole e formare frasi sensate.

Riassumo quindi cosa è successo in quest’ultimo mese.

Paciocca ovviamente continua a crescere, anche se la velocità alla quale lo fa stupisce: per dire, nelle ultime tre settimane ha preso 800 grammi! No dico, OTTOCENTO!! pure per un adulto sono tanti in tre settimane di tempo, figuratevi per una puzzolina di 58 cm di lunghezza! In effetti, ogni volta che la guardo mi sembra che le guance siano sempre più enormi. E, devo ammettere, che mi inorgoglisce  pensare che tutto questo è grazie al mio  latte e basta!

Anche in lunghezza non scherza e di nuovo ho dovuto rinnovare il guardaroba, le tutine che avevo comprato taglia 3 mesi hanno avuto vita breve.

La gamma dei gorgheggi si è ampliata e ora sembra che faccia dei veri e propri discorsi in alcuni momenti, soprattutto quando si mette a parlare con il suo amico “Mister Fiorellino”, la lampada a forma di fiore appunto che sta appesa dietro al fasciatoio. Mentre la cambio lei le sorride tutta felice ed emette un sacco di vocalizzi. All’inizio ero gelosa di Mister Fiorellino perchè è stato il primo che ha avuto l’onore di ricevere i suoi sorrisini, ora pero’ Paciocca si è lanciata e fa sorrisi a tutta forza anche a me e MA ed alla nonna L. che è venuta a darci una mano in queste ultime settimane.

DSC00216

 

Degna di nota è pure la sua forza e tonicità muscolare: se la tengo in braccio punta i piedi e se ne sta in piedi da sola, la devo solo tenere per via dell’equilibrio ma per il resto potrebbe già camminare! Se segue le orme del papà che lo ha fatto a 8 mesi, al ritorno dalle vacanze dovremo riorganizzare casa per evitare disastri.

Forse ci ridero’ a posteriori, ma per ora mi getta in crisi ogni mattina, la super funzionalità intestinale della piccola, che quotidianamente fa si che la pupù superi la barriera del pannolino e sfidando la forza di gravità risalga lungo la schiena! Ormai è una scena di ogni giorno e per fortuna che c’è la nonna ad aiutarmi a pulire body, bimba e fasciatoio perchè non è una cosa banale… Paciocca in tuto questo se la ride beata, col pancino svuotato, mentre io ho un diavolo per capello!

Ha scoperto recentemente le manine: le stringe a pugno, le guarda, le lecca per sentirne il sapore, se le agita davanti agli occhi con estremo interesse, a volte mi molla qualche pugno sul naso se sono nelle vicinanze…

Le piace l’acqua: il momento del bagnetto è diventato uno dei suoi preferiti e sorride felice agitando gambe e braccia schizzando acqua in giro per il bagno. La vaschetta ormai è piccola e dobbiamo trovare un’altra soluzione.

Ha fatto il suo primo vaccino un mese fa: inutile scatenare discussioni in merito qui sul blog, vi ricordo che sono biologa e che non ho mai avuto dubbi sul fatto di farla vaccinare o meno. Anche in questo caso mi ha  stupito perchè non ha avuto nessun sintomo di malessere una volta fatto il vaccino.

E ultimo, ma più importante di tutto: le notti vanno meglio, se la dorme dalle 22 alle 7-7:30 circa con un solo risveglio!  Il sonno è anche meno agitato grazie all’adozione della pratica dello swaddle, che mi è stata saggiamente suggerita. Per chi fosse interessato: lo swaddle è un lenzuolo quadrato di cotone che viene utilizzato per fasciare il neonato in questo modo:

swaddle

E’ una pratica diffusa in Inghilterra e anche negli USA, a me è stata suggerita da amiche e mi ha salvato le nottate! I neonati si sentono più protetti e siccome con questa fasciatura si bloccano le braccia, il bimbo non si sveglia a causa di quei movimenti inconsulti ed involontari delle braccia che prendono il nome di “riflesso di Moro”. Le prime volte che ho fasciato Paciocca mii sono sentita un po’ in colpa, poi pero’ mi sono resa conto di quanto più velocemente si addormenti e, ora che ha imparato a sorridere, addirittura quando la fascio mi riempie di sorrisi felici! Quindi, mamme disperate per la mancanza di sonno, fateci un pensierino!